La ristampa anastatica del manoscritto “Il più lungo giorno” in 500 copie numerate:  evento di grande spessore culturale al Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini” per il 135° genetliaco Campaniano.

locandina genetliaco.cdr

 

 

 

Il Centro Studi Campaniani “Enrico Consolini”,  nel rispetto delle regole per il Covid  19,  festeggia il 135° genetliaco campaniano  con un’iniziativa di grande spessore culturale :  la ristampa anastatica del manoscritto “Il più lungo giorno” di Dino Campana. Questa  terza edizione segue quella realizzata nel 1973 da Archivi d’intesa con Vallecchi, in occasione della presentazione del leggendario  manoscritto  perduto  da Soffici nel 1913 e quella del 2001 edita dal Centro Studi in occasione del 30° anniversario  dell’annuncio del poeta  Mario Luzi sul “Corriere della Sera” del ritrovamento da parte della vedova di Soffici nella casa di Poggio a Caiano. Il Centro Studi Campaniani con questa  ristampa  rinnova l’auspicio, espresso già nel 2001, di potere un giorno custodire “Il più lungo giorno” a Marradi nella sede dedicata al poeta,  e offre un raro e prezioso dono agli estimatori della poesia di Campana. La pubblicazione  non si accompagna infatti ad una ricorrenza ma ad un’esigenza che molti appassionati campaniani hanno espresso, essendo da tempo esaurite le precedenti edizioni . Il libro a cura di Mirna Gentilini, edito dal Centro Studi Campaniani  in 500 copie numerate, integrato  con testi e documenti è dedicato a Franco Scalini “uno dei fondatori, primo presidente e socio onorario del Centro Studi Campaniani, amico caro che ci ha lasciato in questa calda estate”.

L’evento, che coinvolge non solo i marradesi, ma anche gli appassionati di poesia e in particolare gli ammiratori dell’autore dei Canti Orfici, si terrà  giovedì 20 agosto 2020  alle ore 20,45 nella “Corte delle Domenicane ” presso Centro Studi Campaniani, Via Castelnaudary, 5 Marradi (FI) .

L’appuntamento già di per sé interessante è reso ancor più prestigioso per la presenza   del professor Stefano Giovannuzzi dell’Università di Perugia, eminente studioso di Campana che nel 2004 stampò una trascrizione de “Il più lungo giorno” poi rivista e corretta nel 2011.

Non abbiamo dimenticato di inserire nel programma un significativo anniversario i 110 anni del viaggio del poeta alla  Verna immortalato da Campana nei Canti Orfici.

La manifestazione quindi si concluderà con la lettura di  La Verna (Diario) per la voce di  una giovane attrice Carolina Pezzini accompagnata al saxofono da Giada Moretti.

Una serata da non perdere a cui si potrà partecipare previo appuntamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...