Buenos Aires

"Il bastimento avanza lentamenteNel grigio del mattino tra la nebbiaSull'acqua gialla d'un mare fluvialeAppare la città grigia e velata.Si entra in un porto strano. Gli emigrantiImpazzano e inferocian accalcandosiNell'aspra ebbrezza d'imminente lotta.Da un gruppo d'italiani ch'è vestitoIn un modo ridicolo alla modaBonearense si gettano aranceAi paesani stralunati e urlanti.Un ragazzo dal porto leggerissimoProle di libertà, … Continua a leggere Buenos Aires

Genova

Poi che la nube si fermò nei cieliLontano sulla tacita infinitaMarina chiusa nei lontani veli,E ritornava l'anima partitaChe tutto a lei d'intorno era già arcanamenteillustrato del giardino il verdeSogno nell'apparenza sovrumanaDe le corrusche sue statue superbe:E udìi canto udìi voce di poetiNe le fonti e le sfingi sui frontoniBenigne un primo oblìo parvero ai proniUmani … Continua a leggere Genova

Da Inediti (3)

San Francesco, delicatezza...   San Francesco, delicatezza di sbirro, la luna non si stacca dal monte, Italia Giolittiana, frasaismo borghese imperialismo intellettuale, rospi, serponi e il domatore, ascelle di maestrine in sudore, zitelle mature coll'ombra distesa sul passo domenicale, Louis XIV (l'Italie c'est moi), sull'Arno secolare rigovernatura delle lettere, industrie del cadavere, onestà borghese, tecnica … Continua a leggere Da Inediti (3)

(per Sibilla Aleramo)

O poesia poesia poesia O poesia poesia poesia Sorgi, sorgi, sorgi Su dalla febbre elettrica del selciato notturno. Sfrenati dalle elastiche silhouttes equivoche Guizza nello scatto e nell'urlo improvviso Sopra l'anonima fucileria monotona Delle voci instancabili come i flutti Stride la troia perversa al quadrivio Poiché l'elegantone le rubò il cagnolino Saltella una cocotte cavalletta … Continua a leggere (per Sibilla Aleramo)

21 Settembre (presso la Verna)

Io vidi dalle solitudini mistiche staccarsi una tortora e volare distesa verso le valli immensamente aperte. Il paesaggio cristiano segnato di croci inclinate dal vento ne fu vivificato misteriosamente. Volava senza fine sull'ali distese, leggera come una barca sul mare. Addio colomba, addio! Le altissime colonne di roccia della Verna si levavano a picco grigie … Continua a leggere 21 Settembre (presso la Verna)